Insiderquality Blog

[ GLI ARTICOLI ]

Addio Wordpress

06 nov 2017

Addio Wordpress

Orgogliosamente scrivo il primo articolo del "nuovo" blog, dono del mio amico Alex. So che molti non noteranno (almeno a prima vista) differenze importanti e so anche che molti storceranno il naso a causa di quest'articolo. Svelando l'arcano vi notifico che il mio "vecchio" Blog, a differenza di questo, era autorealizzato e sviluppato in Wordpress.
E allora con l'occasione e reduce dell'esperienza vissuta in prima persona, voglio rispondere ad una domanda che spesso mi viene fatta dai miei amici-clienti sull'opportunità di utilizzare Wordpress per il web del proprio Hotel.
Premessa importante: Wordpress è un CMS (Content Management System) ed è nato per creare dei Blog in maniera rapida, gratuita ed accessibile anche a chi non padroneggi linguaggi come l'HTML o altri codici di programmazione. Mi scuseranno i tecnici ma, per rendere comprensibile il tutto anche a chi non è un esperto di web, possiamo dire che Wordpress è un template, un modello già costruito, con cui chiunque abbia un minimo di praticità nell'utilizzo di software moderni, può costruire un sito web.
Un sito sviluppato "a mano" è al contrario il vestito che ci realizza l'artigiano, nel caso di specie una persona che scrive il codice per il nostro web.
Oltre al risultato grafico che a prima vista può sembrare molto simile (devo dire che ho visto siti realizzati in Wordpress davvero molto belli), esistono delle differenze tecniche che mi hanno sempre portato a sconsigliare questa piattaforma per un Hotel.

Velocità 

Wordpress funziona con i Plugins, cioè delle estensioni o funzionalità aggiuntive: vuoi il contatore visite? Vuoi un modulo che permetta l'iscrizione degli utenti? Vuoi un editor di testo che abbia la funzione "giustifica"? Per ognuna di queste funzioni dovrai scaricare ed istallare un plugin. Il mio vecchio blog aveva funzionalità di base ma si era resa comunque necessaria l'istallazione di circa 15 plugin. Il problema è che ogni plugin in più significa una quantità di codice (a volte anche superflua) che va ad appesantire il vostro sito rendendone sempre un tantino più frustrante l'esperienza di navigazione.
La prova l'ho avuta con questo Blog: pur avendo lo stesso hosting (quindi a parità di prestazioni della linea) banali operazioni che prima richiedevano qualche secondo di attesa ora sono praticamente immediate.
Giusto per avere un'idea vi mostro il grafico del "tempo-pagina", ossia quanto ci metteva ad aprirsi una pagina prima (con Wordpress) e cosa è successo dopo aver pubblicato il nuovo blog.



Tralasciando la comodità di chi ci lavora ogni giorno, pensate a quanto sia determinante avere per un Hotel un sito performante in termini di velocità. Sappiamo tutti che convertire una visita sul nostro sito è già un'operazione non proprio facile. Se poi  abbiamo un web lento o non correttamente fruibile....quanto pensate sia disposto il nostro potenziale ospite dal giappone ad attendere che la pagina del nostro sito si apra?
Per avere un'idea di quanto la velocità del nostro sito ne determini le sorti vi invito a leggere quest'articolo: statistiche molto dettagliate spiegano come la velocità di caricamento delle pagine e la percentuale di abbandoni del sito siano strettamente legati tra loro da un rapporto di diretta proporzionalità. 

Sicurezza

Ma non è solo un problema di velocità. I plugin sono sviluppati da terze parti per hobby o anche per business (alcuni sono gratuiti altri a pagamento) e spesso succede che uno di questi contenga una falla di sicurezza o un bug di funzionamento. Tradotto in termini operativi questo significa che bisogna tenere costantemente aggiornata la piattaforma: non a caso vengono rilasciati continui update per risolvere soprattutto problemi di vulnerabilità.
Se siete appassionati della materia e volete avere un'idea della grandezza del fenomeno di cui vi sto parlando allora leggete questa pagina che riassume gli attacchi ai siti Wordpress nel mese di Settembre. Per esperienza personale posso dirvi che non appena il mio "vecchio" blog ha iniziato ad avere un pò di visite sono iniziati gli attacchi spam che pubblicizzavano pillole per erezione e cose simili. Ovviamente ho dovuto istallare un altro plugin per risolvere il problema.
 

Originalità

Da recenti ricerche della W3 Techs sembra che quasi il 25% dei siti dinamici on line nel mondo sia Wordpress. 
Ora anche i più fedeli sostenitori di Wordpress vorranno convenire che l'originalità non è il punto di forza dei siti realizzati con questa piattaforme. Certo realizzare un template grafico è molto più complicato che scaricarne uno gratuito di WP (o anche a pagamento) ma dobbiamo tenere bene in mente che quel template lo avranno in uso altre migliaia (anzi milioni) di persone. Se vogliamo stupire i nostri visitatori allora orientamoci su soluzioni diverse. Abbiamo pochi secondi per impressionare il nostro visitatore: velocità, aspetto grafico, fotografie e fruibilità dei contenuti sono gli elementi che trasformeranno una visita in una prenotazione.

Costi

D'accordo Wordpress è una piattaforma gratuita ma, a meno che non si voglia fare proprio da se (cosa che io per un Hotel sconsiglio vivamente), chi ci realizzerà il sito dovrà giustamente essere pagato. Ed anche se userà un tema da pochi dollari vi chiederà -ripeto giustamente- una cifra probabilmente importante.
Il problema è che ormai dappertutto mi imbatto in agenzie web che lavorano solo in Wordpress. Certo, scusatemi ma nessuno mi convincerà del contrario, è molto più facile e soprattutto alla portata di molti smanettoni. Però questo non significa essere dei professionisti della grafica o del web: magari lo si è della comunicazione. Ma stiamo parlando di cose diverse.

Le mie personalissime conclusioni

Quando ho deciso di scrivere un blog l'ho fatto per gioco e per curiosità: era fuori discussione investire in un progetto web realizzato da professionisti e Wordpress è stata la soluzione migliore. Senza spendere nulla e con un pò di prove (e molte incazzature) sono riuscito a creare il blog e ho iniziato ad avere un discreto numero di visite. Ma proprio quando il blog ha iniziato a funzionare di più sono sorti i problemi di velocità, di sicurezza e tante piccole esigenze che non riuscivo più soddisfare.

Wordpress insomma ha fatto molto bene quello per cui è stato progettato: un blog.

Il sito di un Hotel non è un blog.
 

Questo articolo è stato letto 515 volte
  • Condividi su
Lascia un commento
L'indirizzo email non verrà pubblicato

COMMENTO
NOME
COGNOME
EMAIL
Accetto l'informativa sulla privacy. I dati personali forniti saranno trattati ai sensi del D. Lgs. 196/03.