Insiderquality

[ CHI SONO ]

INSIDERQUALITY

CHI SONO

Solo per caso, nel lontano anno 2000, mi trovai con la possibilità di entrare nel mondo dell’ospitalità, in particolare di quella low budget.

Era il mio primo contatto con un mondo nuovo e pieno di sfumature e, forse, l’esserne completamente a digiuno, fece in modo che mi ci appassionassi con fervore.

Oggi, dopo le lunghe notti in reception, i turni, le difficoltà ed i primi incarichi di responsabilità, sono ancora qui a parlare di questo fantastico lavoro.

 

Si, perchè dal 2000 tante cose sono cambiate, non solo il modo o gli strumenti con cui si lavora:

ho avuto (ed ancora ho) la fortuna di gestire alcune strutture alberghiere, usandole come “palestre” per sperimentare ed innovare, cosa che non smetto mai di fare.

Ma volendo essere onesto ho avuto anche altre fortune. In particolare quella di lavorare con grandi professionisti del settore alberghiero di altri paesi, in Olanda, Svizzera e Francia.

Studiando l’applicazione della Qualità alle strutture alberghiere ho perfezionato le mie conoscenze tecniche e, dopo tanto impegno ed esperienze davvero interessanti, ho ricevuto da una società di consulenza che si occupa di standard qualitativi, l’incarico di Auditor per l’Europa Sud, Est ed Ovest.

Ora viaggio molto (altra fortuna) e visito centinaia di strutture all’anno verificandone il rispetto agli standard qualitativi imposti dalla catena. Ho il piacere di conoscere i manager di queste strutture ed ascoltarne i punti di vista, ma soprattutto ho il privilegio di interagire con lo staff del front office e quello delle camere o della manutenzione e capirne i problemi soprattutto dal loro punto di vista. Questo è il mio modo preferito per scavalcare quel muro che a volte si crea tra chi gestisce una struttura alberghiera passando -anche giustamente- molto tempo alla scrivania e chi invece entra nelle camere tutti i giorni.

A volte si creano situazioni di tensione: in fondo a nessuno piace essere giudicato. Ma alla fine quello che prevale è sempre il momento di crescita e miglioramento: missione compiuta. Si torna a casa sempre con un bel ricordo delle persone incontrate e qualcosa di nuovo da condividere con i colleghi.

E credetemi: c’è sempre da imparare.

Ho effettuato centinaia di ore di formazione agli staff ed ai manager delle strutture ricettive ma anche ai ragazzi degli Istituti professionali per il Turismo ed ancora oggi mi sorprendo per quanto possa essere bello parlare del mio lavoro, sempre come se fosse il primo giorno, magari riuscendo a trasmettere quell’entusiasmo che è la chiave del successo di ogni struttura alberghiera, piccola o grande che sia.

Oggi seguo come consulente alcune strutture condividendone l’obiettivo principale: lavorare sempre al massimo delle nostre possibilità, in termini di qualità del servizio, efficienza ed ovviamente redditività.

Ma, cari colleghi, senza gli strumenti di lavoro adeguati, senza uno staff motivato e professionale, formazione ed investimenti la strada sarà sempre più in salita.

Se pensate che per aumentare le performance della vostra struttura basterà aspettare che bussi alla porta qualche società che si occupa di Revenue -parola magica-, allora, da collega, mi permetto di darvi un consiglio: attenti alle illusioni di facili guadagni pubblicizzate da questi signori.

Un prezzo più basso non vi garantirà il successo a lungo termine: dietro quelle cifre deve esserci la qualità dell’offerta. Non dimentichiamolo mai: noi vendiamo ospitalità, non camere.

Diffidate di chi non si è mai “sporcato” le mani in una struttura, gestendo un front office, un ospite inferocito, centinaia di telefonate, prenotazioni e overbooking.

Diffidate da chi non sa che ogni struttura è un mondo a parte, un piccolo ecosistema con i suoi punti di forza e le sue debolezze, ed è convinto di poter vendere una camera on line allo stesso modo di una batteria di pentole.

Se hai voglia di raccontarmi la tua storia contattami senza esitazioni e, comunque dovesse andare, avremo avuto entrambi qualcosa di nuovo da imparare.

francesco d’acunto

  • Condividi su